Come ottenere il finanziamento Inpdap per i dipendenti statali

Il finanziamento Inpdap per i dipendenti statali

L’Inpdap, l’ente di previdenza dei dipendenti statali, è confluito all’interno dell’Inps, ma nonostante ciò, tutti coloro che lavorano o hanno lavorato nella pubblica amministrazione, continuano a godere di particolari condizioni di favore qualora si trovino nelle condizioni di dover richiedere un finanziamento.
Si possono richiedere sia prestiti, sia mutui, a tassi agevolati, con tetti prestabiliti per legge e che possono essere erogati dallo stesso ente o da banche convenzionate. Ovviamente perché avvenga la concessione del finanziamento ai dipendenti statali sono necessarie delle motivazioni ben precise quali spese sanitarie, acquisto di un’auto, della prima casa o anche per la celebrazione di matrimonio.

I presupposti per ottenere il finanziamento Inpdap

Il finanziamento per i dipendenti statali prevede diverse forme. Vi sono i piccoli prestiti per far fronte a improvvise carenze di liquidità, hanno durata massima di 4 anni e prevedono l’erogazione di somme pari a una, due, tre o quattro mensilità senza che venga motivata la richiesta.
I prestiti pluriennali di 5 o 10 anni invece vengono concessi solo dietro presentazione dell’opportuna documentazione che giustifichi il bisogno del finanziamento, come ad esempio l’acquisto di un’auto o le spese per la ristrutturazione della prima casa.
L’erogazione di mutui a tassi agevolati è invece riservata a quei dipendenti che vogliono acquistare la prima casa per loro stessi o per un figlio, naturalmente la domanda di finanziamento dovrà essere debitamente documentata con tutte le pezze giustificative.
Presupposti essenziali per la concessione del finanziamento sono l’iscrizione del dipendente al Fondo Gestione Crediti da almeno due anni e la presentazione della domanda secondo le modalità previste dall’Inps.