prestiti inpdap polizia statoI prestiti Inpdap per la Polizia di Stato sono particolari forme di finanziamento che vengono concesse agli appartenenti alle forze dell’ordine.

Le forze armate, infatti, possono stabilire convenzioni e accordi – insieme con il Ministero dell’Interno – con banche e istituti di credito per far sì che i loro dipendenti possano avere accesso a prestiti concessi a condizioni vantaggiose. Gli accordi stipulati con l’Inpdap, dunque, permettono alle banche di proporre ai dipendenti della Polizia di Stato soluzioni di finanziamento personalizzate e costruite in maniera specifica sulla base delle singole necessità. Le agevolazioni Inpdap, in effetti, prevedono per chi ne ha diritto condizioni di erogazione e condizioni di rimborso particolarmente vantaggiose: la somma massima erogabile è di 100mila euro, mentre il periodo di rateizzazione può arrivare fino a 120 mesi, cioè 10 anni. I prestiti Inpdap per la Polizia di Stato, dunque, valgono sia per operazioni di breve durata (e importi sia piccoli che grandi), sia per operazioni di lunga durata (con importi medi e grandi). Non di rado, tra l’altro, è possibile aumentare la somma richiesta allungando il periodo di rateizzazione e conservando invariata la rata.

Ciò dipende, comunque, dalle condizioni previste dai diversi istituti di credito. I prestiti Inpdap per gli appartenenti alla Polizia di Stato possono anche essere rimborsati sotto forma di cessione del quinto, vale a dire tramite il prelievo di una parte della busta paga: in altre parole, non bisogna pagare la rata poiché ci pensa già l’istituto di credito ad attingerla dallo stipendio (o dalla pensione in caso di ex dipendenti).